13 febbraio 2014 ~ 2 Commenti

Morire per un mal di denti

Al contrario del risalto dato dalla stampa generalista alla morte della ragazza palermitana per l’infezione causata da un ascesso non curato, il costo delle prestazioni odontoiatriche e la crisi economica non centrano.

Ad uccidere la poveretta è stata la mancanza di attenzione per la propria salute e l’ignoranza sulle conseguenze che un infezione dentale possa causare
“Tanto è solo un mal di denti; a fare la fila al Policlinico per farmi curare il dente non ci vado; non ho tempo; non ho voglia”, avrà pensato quando al pronto soccorso, dopo una prima cura, l’hanno invitata a rivolgersi altrove.

L’autopsia prevista per oggi dirà le reali cause della morte, ma se verrà confermata l’infezione causata dall’ascesso sarebbe bastato, mi spiegano i vostri colleghi dentisti, anche che qualcuno le somministrasse alcuni farmaci specifici. Probabilmente il medico che l’ha presa in cura nel primo ospedale e l’ha visitata non poteva farlo, ha ritenuto più giusto inviarla presso il Policlinico di Palermo dove, mi dicono, è attivo persino un pronto soccorso odontoiatrico.

Forse la migliore cura il medico la pronto soccorso avrebbe dovuta darla a voce: “guardi che rischia molto se non si fa curarla, qui non possiamo vederlo ma vada subito al Policlinico o in uno dei centri della Caritas, di Emergency”.
Ma a quanto pare il medico questo non l’ha detto o se l’ha detto non è stato abbastanza convincente per fare correre la ragazza a farsi curare, o almeno togliere il dente.

Magari anche quel medico, come tanti amministratori della salute pubblica, è convinto che tanto, per un mal di denti, mica si muore.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali